Ernia discale e subacquea

Sono un sub (per passione) di anni 49, godo di ottima salute,altezza 1.75 peso 90 kg (ma non sono grosso, avro’ una costituzione robusta). Le chiedo gentilmente se posso continuare a praticare questo sport (a volte effettuo anche immersioni fuori curva utilizzando l’ossigeno in decompressione) visto che ho tre ernie del disco, varie protusioni e la stenosi del canale. La ringrazio anticipatamente. Antonio

0 commenti a “Ernia discale e subacquea

  1. Pasquale Longobardi on

    caro Antonio, ti ringrazio per l’attenzione e la stima.
    In caso di patologia degenerativa della colonna vertebrale, il fattore di rischio principale è la mobilizzazione delle pesanti attrezzature subacquee (in particolare nelle immersioni avanzate).
    L’European Diving Technology Committee (EDTC), con il quale collaboro, ritiene che vi sia controindicazione assoluta all’attività subacquea qualora la protusione discale e la stenosi del canale vertebrale siano sintomatiche (formicolii agli arti inferiori, alterazione della sensazione di caldo / freddo, dolore alla schiena, ecc.).
    Nel caso la patologia fosse asintomatica (assenza di sintomi) o dopo eventuale intervento chirurgico è consentito il ritorno all’immersione, previa accurata visita medica da parte di uno specialista in medicina subacquea e con la raccomandazione di prestare attenzione nella mobilizzazione dei carichi pesanti (utilizzare un carrello o farsi aiutare nello spostamento delle bombole e della zavorra).
    Presso il Centro iperbarico Ravenna, all’atto della visita di idoneità, eseguiamo una prima valutazione posturale che ci permette di attivare un percorso terapeutico che gestiamo con il fisiatra (dr. Francesco Fontana), con l’odontognatodonta (dr.sa Lia Pappagallo), con l’ortottista (dr. Giovanni Forlini).
    Il percoso prevede tecar terapia, riabilitazione posturale e propiocettiva, riabilitazione in acqua, valutazione e correzione della masticazione e dei disturbi della visione.
    Dove le ernie erano piccole si è riusciti a risolvere il problema senza la chirurgia.
    Per eventuale appuntamento contatta la segreteria del Centro iperbarico Ravenna tel. 0544-500152. Ciao, Pasquale

    Rispondi
  2. Pasquale Longobardi on

    Antonio: “nel ringraziarla per l’esauriente risposta, egregio dottore, vorrei
    dirle che l’unico sintomo(fra quelli che Lei mi ha elencato) che io
    accuso è, al mattino e per qualche ora, il dolore alla schiena che
    tende a svanire poi durante il giorno. Pertanto le chiedo, sulla base di
    questa specificazione se posso continuare ad andare sott’acqua e se sia bene che io effettui la decompressione con l’ossigneo al posto dell’aria. La
    ringrazio ancora per la sua cortesia.

    Rispondi
  3. Pasquale Longobardi on

    Caro Antonio, per l’idoneità all’immersione è necessaria una valutazione (visita).

    E’ impossibile dirti di andare in immersione solo sulla base delle informazioni scambiate nel web.

    nell’ambito della visita si potrà chiarire anche la decompressione in ossigeno in acqua (Nota: la U.S. Navy la sconsiglia per il rischio di convulsioni)

    Un caro saluto

    Pasquale

    Rispondi
  4. gaspare on

    salve dottore sono un geometra di 30 anni, alto 1,80, peso 104 kg. Soffro di ernia discale L5- S1 e molto spesso ho un gran dolore alla gamba sinistra, non riesco più a svolgere le attività normali sia lavorative che ricreative. Vorrei sapere se facendo un ciclo di ossigenoterapia iperbarica potrei risolvere il problema. grazie, Gaspare

    Rispondi
  5. Pasquale Longobardi on

    caro Gaspare, ti ringrazio per l’attenzione. Mi dispiace per il dolore che ti rende difficile la vita.
    La tua descrizione fa ipotizzare una infiammazione di una radice nervosa (radicolopatia). Per esserne certo avrei bisogno di valutare una Risonanza magnetica del midollo dorso lombare e una elettromiografia dell’arto inferiore sinistro.
    Sono certo che in Ravenna tu possa trovare giovamento dal tuo disagio nell’ambito di un percorso terapeutico che duri due settimane (10 giorni lavorativi).
    Il percorso prevede terapia fisica (laser ad alta potenza potenza; tecarterapia; eventuale infiltrazione di farmaci antinfiammatori); scarico del peso e riabilitazione muscolare in acqua; ossigenoterapia iperbarica a supporto della riabilitazione e terapia fisica.
    Il Centro iperbarico Ravenna offre l’integrazione tra la terapia iperbarica, la terapia fisica, la riabilitazione in acqua e un pacchetto di agevolazioni per servizi (alberghi, ristoranti, attività del tempo libero).
    Per informazioni contatta Claudia Assirelli, assistente alla direzione sanitaria, tel. 0544-500152, email: scrivici@iperbaricoravenna.it
    Un caro saluto, Pasquale

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *