Necrosi del condilo femorale del ginocchio: la terapia iperbarica può essere d’aiuto?

Buongiorno
Circa due anni fa mia madre ha avvertito dolori al ginocchio destro.
Dalle radiografie e risonanza magnetica le è stata diagnosticata una necrosi del condilo femorale del ginocchio destro
Dopo varie terapie (infiltrazioni di acido ialuronico, medicinali quali Clody, laser, massaggi,ecc) il dolore persiste quando cammina (riesce a fare solo pochi metri, poi si deve fermare).
Ha effettuato varie viste ortopediche con stesso esito: operazione di protesi totale o monocompartimentale
Volevo sapere se con la terapia iperbarica c’è una possibilità per evitare l’operazione, in considerazione dell’età (80 anni) e dello stato generale di salute (cardiopatia, gammopatia monoclonale in zona K, noduli tiroidei, pressione alta, artrosi generalizzata, innalzamento medio del diaframma destro per paresi nervo frenico)
Grazie per la cortese attenzione
Elena

Un commento a “Necrosi del condilo femorale del ginocchio: la terapia iperbarica può essere d’aiuto?

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile Signora Elena,
    mi dispiace per le problematiche di sua Madre.

    Per esserle veramente di aiuto sarebbe necessario visionare le immagini dell’RX e della RMN al
    fine di valutare l’estensione e lo stadio della malattia. Infatti la Terapia Iperbarica sarebbe indicata
    solamente se non ci fossero importanti assorbimenti ossei e qualora non fossero presenti altre grosse
    problematiche a livello delle altre strutture articolari.

    Per quanto riguarda le controindicazioni alla Camera Iperbarica bisognerebbe valutare, durante la
    prima visita con il medico, la situazione cardiaca e polmonare.

    Se decidesse quindi di intraprendere questa opportunità terapeutica la invito a portare con lei tutta la
    documentazione medica, comprese visite cardiologiche, polmonari e gli esami effettuati ( RX,
    RMN, ECG, Eco Cuore, Rx torace ecc..)

    Cordiali saluti
    Dott.ssa Claudia Rastelli
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *