Macchia rossa nel fondoschiena: come prevenire un ulcera da decubito?

Sono Marina Rossi  (cugina di Barbara Ferri trattata al  Centro per patologia tumorale al seno) ed ora ho un problema  che vorrei sottoporvi.

Mia madre (92 anni) ha subito la frattura del femore 15 giorni fa ed è stata operata all’ospedale di Forlì con l’introduzione del chiodo sotto la testa de femore. Ora è all’ospedale di Forlimpopoli per la riabilitazione. Ieri mi sono accorta che ha una macchia, grande come una moneta da due euro, centrale nel fondo schiena  molto arrossata. per ora sta usando il pannolone perchè sta più tempo a letto.  L’infermiera del reparto  ha spalmato una crema  (bio…ecc) . Vorrei sapere se c’è qualcosa di più specifico che possa usare al fine di prevenire l’apertura della ferita , almeno fino a quendo starà in ospedale perchè poi cercherò di portarla al Centro.

Chiedo, cortesemente, una risposta urgente e nell’attesa saluto caramente Patrizia ed Elena e tutto lo staff infermieristico ricordando la professionalità e cordialità con la quale è stata trattata Barbara  nel 2010/2011

Saluti,
Marina Rossi

 

 

Un commento a “Macchia rossa nel fondoschiena: come prevenire un ulcera da decubito?

  1. Klarida Hoxha on

    Cara Marina, mi dispiace per la mamma. Ricordiamo con tanto affetto Barbara, è rimasta nel nostro cuore per quanto è stata coraggiosa e generosa nei nostri confronti.
    Tornando al caso di sua madre purtroppo i fattori di rischio delle ulcere da pressione sono proprio quelli che lei ha citato nella descrizione: l’età avanzata, l’incontinenza (in questo caso l’utilizzo del pannolone) perché trattiene l’umidità, l’allettamento.
    Per prevenire le lesioni non sono necessarie creme o medicazioni quanto accorgimenti del tipo:
    • Cambiare posizione con frequenza e regolarità è fondamentale per prevenire le piaghe da decubito, perché il tempo necessario per il formarsi di una lesione da pressione è di solo poche ore di immobilità. Proprio per questo motivo le linee guida consigliano di cambiare posizione almeno una volta ogni due ore, anche durante la notte.
    • Non tenere la testa sollevata dal letto più di 30 gradi. Un’inclinazione maggiore facilita lo scivolamento, aumentando il rischio di lesioni dovute all’attrito e alle forze di taglio. Se dovesse sollevarsi per mangiare, mettete dei cuscini o dei sostegni di lattice sotto il bacino e dietro le spalle per aiutarla a stare diritta.
    • Usare un materasso o un letto che diminuisce la pressione. Ci sono diverse possibilità di scelta, tra cui i materassi di lattice, ad aria, di gel o ad acqua.
    • Cambiare spesso il pannolone per tenere sempre pulito e asciutto la zona sacrale, visto che la posizione supina favorisce il ristagno di umidità proprio nella zona interessata.
    • Seguire un’alimentazioe adeguata, soprattutto proteica perché aiuta a prevenire le lesioni.

    Appena riesce può portare la mamma nel nostro Centro per una valutazione più approfondita così da poterle consigliare al meglio come comportarsi a domicilio. Rimaniamo a disposizione per qualsiasi cosa al numero 0544/500152 o segreteria@iperbaricoravenna.it
    Un caro saluto,
    Klarida Hoxha

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *