Osteomielite post frattura esposta: l’OTI può essere d’aiuto nella cura dell’infezione?

Gentili dottori,
sono caduto in moto il 2 giugno 2018, e ho avuto una frattura esposta di tibia e perone. Dopo varie pulizie, fissatore esterno e antibiotico, a fine giugno mi hanno operato, messo un chiodo e cemento antibiotato, e chiuso con lembo la ferita.

Sospeso l’antibiotico, dopo 10 giorni ho avuto la febbre alta. Mi hanno ricoverato nuovamente e mi hanno somministrato dell’antibiotico.

Successivamente è comparsa di fistola, quindi hanno fatto una nuova pulizia e la sostituzione del cemento. I tamponi durante l’ultima pulizia risultano positivi – sia sul cemento che sull’osso – al clostridium. Mi hanno dato una terapia per 4 settimane ma non mi hanno mia parlato di iperbarica.

Potrebbe essere d’aiuto nella mia situazione?

Grazie,
Davide

 

Un commento a “Osteomielite post frattura esposta: l’OTI può essere d’aiuto nella cura dell’infezione?

  1. Dr.ssa Claudia Rastelli on

    Gentile Sig. Davide, mi dispiace per il suo incidente.

    L’Osteomielite è una patologia “ antipatica” che va gestita con la collaborazione di più specialisti, ortopedico e infettivologo in primis. Ha già effettuato un ottimo percorso terapeutico caratterizzato da pulizia chirurgica e antibioticoterapia mirata al germe patogeno isolato dal suo osso.

    La terapia iperbarica, associata alla terapia antibiotica potrebbe aiutarla ulteriormente in quanto l’Ossigenoterapia Iperbarica potenzia gli effetti degli antibiotici e aumenta la capacità di difesa aspecifica del paziente attraverso un miglior funzionamento delle cellule immunitarie. Inoltre l’OTI stimola la neoangiogenesi locale( formazione di nuovi vasi) favorendo l’arrivo di ossigeno e nutrienti in maniera maggiore all’osso colpito e facilitando l’attivazione degli osteoblasti nella deposizione di osso nuovo.

    Per capire se lei sia un candidato adatto ad effettuare la terapia in Camera Iperbarica bisognerebbe comunque valutare in dettaglio il suo caso clinico e il suo stato di salute generale, prendendo in considerazione eventuali patologie concomitanti e fattori di compromissione.

    Per ulteriori informazioni la invito a contattarci allo 0544.500152

    Cordiali saluti,
    Dott.ssa Claudia Rastelli
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *