Ulcere cutanee da insufficienza arteriosa, venosa e post traumatica

Definizione
Soluzione di continuo a varia eziologia non tendente alla guarigione spontanea.

 

Cause
1. arteriopatia ostruttiva cronica
2. insufficienza venosa periferica
3. post-traumatiche

 

 

1. ULCERE CUTANEE DA ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA CRONICA (stadio IV della classificazione di FONTAINE – LERICHE)

Raccomandazioni

  • E’ necessario attuare lo studio vascolare dell’ulcera ischemica con adeguato iter diagnostico,prima di avviare il paziente all’OTI
  • E’ necessaria la valutazione di una possibile rivascolarizzazione chirurgica
  • L’OTI è indicata elettivamente nelle ulcere arteriopatiche in presenza di un flusso ematico efficace (valore normale PA sistolica alla caviglia >40 mmHg)
  • L’ossimetria transcutanea guida alla corretta applicazione dell’OTI. Per l’indicazione all’OTI risulta essenziale una TcPO2 basale almeno superiore a 10mmHg
  • L’OTI è elettiva nelle ulcere arteriopatiche ad elevato rischio di amputazione
  • L’OTI è consigliata nei pazienti con ulcere infette destinati all’impianto di una protesi vascolare, in fase di preparazione al trattamento chirurgico di rivascolarizzazione

 

Criteri di appropriatezza OTI
1. dopo rivascolarizzazione qualora persista ischemia attorno all’ulcera:

  • paziente rivascolarizzato in presenza di ulcere apicali o vasta perdita di sostanza che non consentano amputazioni conservative (obiettivo: DRG 114 vs DRG 113)
  • paziente rivascolarizzato dove permangano ulcere (eventualmente in attesa di intervento di chirurgia ricostruttiva)

2. quando il paziente non è operabile :

  • TcPO2 basale > 10 mmHg
  • ulcere cutanee da deiscenza del moncone in paziente precedentemente sottoposto ad amputazione

3. in attesa di rivascolarizzazione: pazienti con ulcere infette destinati all’impianto di una protesi vascolare, in fase di preparazione al trattamento chirurgico di rivascolarizzazione

 

Posologia

  • PRESSIONE: 2.4 – 2.5 ATA
  • DURATA: almeno 60′ totali di ossigeno respirato in quota, per 30-40 trattamenti

Verifica dei risultati in corso di terapia (dopo la 15° seduta)

 

     

 

 

L’esito possibile della terapia sarà:

⇒ GUARITO: sospende OTI
⇒ MIGLIORATO:

  • TcPO2 > 40mmHg: sospende OTI (ripristino microcircolo, prognosi favorevole: chiusura per seconda intenzione)
  • TcPO2 < 40 mmHg: prosegue OTI con un ulteriore ciclo di 15 sedute consecutive a 2.2-2.5 ATA (controllo alla 30a terapia). Utile valutazione chirurgica per eventuale trattamento ricostruttivo.

⇒ INVARIATO o PEGGIORATO: Sospensione del trattamento iperbarico e rivalutazione da parte del chirurgo vascolare

 

2. ULCERE CUTANEE DA INSUFFICIENZA VENOSA PERIFERICA

Raccomandazioni

• E’ necessario attuare lo studio vascolare dell’ulcera venosa con adeguato iter diagnostico, prima di avviare il paziente all’OTI.
• Deve essere attuata l’elastocompressione dell’arto inferiore interessato, prima di avviare il paziente all’OTI

 

Criteri di appropriatezza OTI
• L’OTI è applicata a scopo adiuvante nel caso di sovrainfezioni refrattarie della lesione
• L’OTI è adiuvante per la preparazione dell’ulcera alle procedure ricostruttive

 

Posologia

  • PRESSIONE: 2.2 – 2,5 ATA
  • DURATA: almeno 60′ totali di ossigeno respirato in quota per 30-40 trattamenti

Verifica dei risultati in corso di terapia (dopo la 15a seduta)

 


      

 

L’esito possibile della terapia sarà:

⇒ GUARITO: sospende OTI
⇒ MIGLIORATO:

  • misurazione area della lesione
  • incremento della granulazione e riduzione dell’essudato (scala di valutazione di Falanga o similare)

⇒ INVARIATO o PEGGIORATO: Sospensione del trattamento iperbarico e rivalutazione da parte del chirurgo vascolare
 

 

3. ULCERE CUTANEE POST-TRAUMATICHE

Raccomandazioni

• E’ necessario attuare lo studio vascolare dell’ulcera con adeguato iter diagnostico, prima di avviare il paziente all’OTI, evidenziando eventuali deficit arteriosi periferici
• In caso di insufficienza venosa, deve essere attuata l’elastocompressione dell’arto inferiore interessato, prima di avviare il paziente all’OTI.

 

Criteri di appropriatezza OTI
ULCERA CUTANEA post-traumatica che non si risolve dopo 30 gg. di terapia convenzionale.

 

Posologia

  • PRESSIONE: 2.2 – 2,5 ATA
  • DURATA: almeno 60′ di ossigeno totali respirati in quota, per 30-40 trattamenti

Verifica dei risultati in corso di terapia (dopo la 15a seduta)

 

    

L’esito possibile della terapia sarà:

⇒ GUARITO: sospende OTI
⇒ MIGLIORATO:

  • TcPO2 > 40mmHg e controllo dei fattori di compromissione locale (perdita di sostanza, infezione): sospende OTI (ripristino microcircolo, prognosi favorevole: chiusura per seconda intenzione)
  • TcPO2 < 40 mmHg e persistenza dei fattori di compromissione locale: prosegue OTI con 1 ciclo di 15 sedute consecutive a 2.2 -2.5 ATA (controllo alla 30a terapia). Utile valutazione chirurgica per eventuale trattamento ricostruttivo.

⇒ INVARIATO o PEGGIORATO: Sospensione del trattamento iperbarico e rivalutazione della chirurgica vascolare

 

Bibliografia
• Roberts GP, Harding KG. “Stimulation of glycosaminoglycan synthesis in cultured fibroblasts by hyperbaric oxygen”. Br J Dermatol 1994; 131:630-3.
• Mader JT, Brown GL, Guckian JC, Wells CH,Reinarz JA. “A mechanism for the amelioration by hyperbaric oxygen of experimental staphylococcal osteomyelitis in rabbits”. J Infect Dis 1980; 142:915-22.
• Thom SR. “Effects of hyperoxia on neutrophil adhesion”. Undersea Hyperb Med 2004; 31:123-31.
• Niinikoski J. “Effect of oxygen supply on wound healing and formation of experimental granulation tissue”. Acta Physiol Scand Suppl 1969; 334:1-72.
• Niinikoski J. “New aspects of hyperbaric oxygen therapy in improving tissue salvage after acute musculo-skeletal trauma”. Ann Chir Gynaecol 2001; 90 Suppl 215:5-7.
• Niinikoski J. “Current concepts of the role of oxygen in wound healing”. Ann Chir Gynaecol 2001; 90 Suppl 215:9-11.
• Niinikoski J. “Clinical hyperbaric oxygen therapy,wound perfusion and transcutaneous oximetry”. World J Surg 2004; 28:307-11.
• Hunt TK, Hopf HW. “Wound healing and wound infection. What surgeons and anesthesiologists can do”. Surg Clin North Am 1997; 77:587-606
• Hammarlund C, Sundberg T. “Hyperbaric oxygen reduced size of chronic leg ulcers: a randomized double-blind study”. Plast Reconstr Surg 1994; 93:829-33;
• Mathieu D. “Recommendation of the Jury of 7th ECHM Consensus Conference on Hyperbaric Medicine”. Lille (Fr), 2004.
• Mathieu D, Linke JC, Wattel F. “Non-healing wounds”. In: Mathieu D, ed. Handbook on Hyperbaric Medicine. Dordrecht (NL): Springer, 2006:401-27.
• ECHM-ETRS Joint Conference on Oxygen and Tissue Repair, Ravenna (Italy), October 27-28, 2006: recommendations by the International Jury”. Lower Extremity Wounds 6(3); 2007 pp. 139-142 (DOI: 10.1177/1534734607304625)