Eugenio chiede un consulto per una sospetta necrosi al ginocchio

Buongiorno,
da circa 50 giorni ho un dolore al ginocchio sinistro (parte interna), probabilmente da trauma, senza riscontro immediato. Dopo alcuni mesi l’ortopedico sospetta algodistrofia o Necrosi asettica emi prescrive alcuni esami, dei quali trascrivo integralmente le relative diagnosi:

Rx – segni di gonoartrosi con modica riduzione dello spazio articolare mediale;

RM– esteso edema spongioso del condilo femorale mediale, con edema reattivo dei tessuti molli adiacenti, su probabile base algodistrofica, ridotto lo spessore del rivestimento cartilaginea femore-tibiale mediale senza esposizione dell’osso subcontrale e modico versamento articolare, il resto nella norma;

Scintigrafia ossea Total body- con Radiofarmaco 99mTc-HMDP Attività: 569 MBq via e.v., le immagini precoci fanno rilevare asimmetrica perfusione per incremento sulla proiezione del condilo femorale mediale di sinistra, della quale si apprezza circoscritto aumento del pool ematico; le immagini tardive mettono in evidenza nel condilo femorale mediale di sx ben definito iperaccumulo ovoidale ad elevata intensità di fissazione del radiofarmaco. Conclusioni, quadro scintigrafico espressivo di flogosi nel condilo mediale del femore di sx con marcata reazione osteoblastica al persistere della sintomatologia si consiglia rivalutazione con RMN.

Chiedo un vostro parere se possibile, una diagnosi più certa ed eventuali iniziative riabilitative o altro.

Certo di un vostro riscontro porgo cordiali saluti.
Eugenio

Un commento a “Eugenio chiede un consulto per una sospetta necrosi al ginocchio

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile Signor. Eugenio, mi dispiace per il suo problema.

    Il referto della RMN parla di “esteso edema spongioso del condilo femorale mediale” compatibile con un quadro di Algodistrofia o Osteonecrosi. In questo quadro clinico le consigliere una visita per valutare la possibilità di effettuare Terapia Iperbarica.

    Presso il centro Iperbarico di Ravenna ogni giorno visitiamo pazienti con la sua stessa problematica, e valutiamo attentamente eventuali controindicazioni a tale terapia e prescriviamo un percorso terapeutico che comprende una valutazione fisiatrica della postura, una terapia associata con Magnetoterapia e farmaci favorenti la mineralizzazione ossea.

    Rimaniamo a disposizione per ulteriori chiarimenti o per una valutazione personalizzata.

    Cordiali saluti
    Dott.ssa Claudia Rastelli
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *