Terapia Klox: la luce che cura le ferite

La Klox è una terapia innovativa per la cura delle ferite difficili che il Centro Iperbarico di Ravenna utilizza dall’inizio dell’anno. Nell’esperienza del Centro, questo trattamento ha portato ad ottimi risultati, in particolare nella cura di ulcere reumatiche, venose o traumatiche.

Fa parte delle terapie aggiuntive utilizzate al Cento Cura Ferite Difficili e abbiamo chiesto a Klarida Hoxha, coordinatrice infermieristica, di spiegarci come funziona questo tipo di trattamento.

Klarida, ci racconti come funziona il trattamento con Klox?

La Klox è una terapia che attraverso la fobiomodulazione facilita la guarigione delle ferite, utilizzando una “luce visibile” emanata da una lampada multi-led. L’azione della lampada viene favorita dall’applicazione, sulla ferita, di un gel veicolante con l’aggiunta di cromofori. I cromofori sono un gruppo di atomi che modulano la luce emanata dalla della lampada in tre lunghezza d’onda differenti. 

Ogni tipologia di luce ha un diverso scopo:

  • La luce Blu ha un’azione infiammatoria, riducendo il dolore,
  • La luce verde stimola la produzione delle cellule, riducendo i tempi di guarigione,
  • La luce gialla/arancione stimola la produzione di nuovi vasi sanguigni e la contrazione della ferita.

Il trattamento con Klox è di facile applicazione, non è invasivo ed è indolore. La sua applicazione dura 5 minuti e prevede diversi passaggi:

  • La detersione della ferita,
  • L’applicazione del gel,
  • L’esposizione alla lampada led,
  • Rimozione del gel con medicazione e bendaggio.

Noi consigliamo il trattamento una volta alla settimana, per quattro settimane. Fra le differenti applicazioni devono passare almeno 48 ore.
La Klox non sostituisce la medicazione e il bendaggio, ma è una terapia aggiuntiva al trattamento base che eseguiamo al CCFD

Per chi è indicato il trattamento con Klox?

Il trattamento con Klox è indicato per tutti quei pazienti che presentano ulcere cutanee, dolorose e di difficile cicatrizzazione: se successivamente alle quattro settimane di terapia canonica con medicazioni e ai bendaggi, vediamo che la ferita presenta un ritardo di guarigione, proponiamo il trattamento con Klox per facilitare il risanamento della ferita.

È indicato anche per quei pazienti che è possibile presentino un ritardo di guarigione, come ad esempio pazienti con patologie debilitanti come il diabete, patologie reumatiche, oppure la presenza di più patologie associate. La terapia Klox non è indicata nel trattamento delle ulcere di cui con è stata risolta la causa primaria, come ad esempio le ulcere arteriose non rivascolarizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *