Skin Tears: gli appunti delle nostre infermiere CCFD Alice e Sofia sul corso AISLEC

Lo scorso 25 febbraio 2017, due delle infermiere del Centro Iperbarico di Ravenna, Alice Casadei e Sofia Fioravanti, hanno partecipato al corso “Skin Tears: Queste Piccole, Grandi Ferite” all’Hotel Villa Bianca di Rimini.

skin_tearsL’evento è stato organizzato da AISLEC (Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee), Società Scientifica Italiana a carattere interdisciplinare che promuove corsi e master di formazione in ambito vulnologico, ed era destinato a 30 partecipanti (infermieri e medici) e assegnava 7 Crediti ECM.

L’obiettivo dell’incontro era di far acquisire conoscenze e far sviluppare competenze aull’appropriata prevenzione, valutazione e trattamento delle skin tears.

La skin tears è il risultato di una forza di taglio, sfregamento o trauma contusivo che provoca la separazione degli strati della pelle. A seconda del danno tissutale le lesioni possono essere a spessore parziale o totale. Negli Stati Uniti si stima 1,5 milioni di skin tears ogni anno nei pazienti ricoverati.

Nel 2011 è stato diffuso un documento di posizionamento per la loro appropriata gestione 

Dopo la registrazione dei partecipanti e l’introduzione propedeutica all’evento formativo, i partecipanti hanno seguito diversi approfondimenti:

  • Le basi fisiopatologiche: cenni di anatomia della cute
  • Skin tear (ST): dimensioni del problema, definizione, fattori di rischio
  • Le ST: conoscerle per prevenirle
  • Le ST: conoscerle per classificarle
  • La classificazione delle ST applicata a casi clinici didattici
  • Le ST: conoscerle per trattarle. Il trattamento conservativo
  • Il trattamento delle ST applicato a casi clinici didattici

E hanno sostenuto una verifica finale di apprendimento.

Le nostre infermiere Alice Casadei e Sofia Fioravanti del Centro Cura Ferite Difficili, Centro iperbarico Ravenna (coordinate da Klarida Hoxha) riportano nei loro appunti, gli aggiornamenti al 2017.

Scarica gratuitamente gli appunti da qui!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *