Ipoacusia da barotrauma e ossigenoterapia iperbarica

Buonasera,
scrivo per un consulto e consiglio.

Vi riporto in estrema sintesi la mia situazione:

  • in data 20.08 Episodio Barotruama durante attività subacquea in apena (credo)
  • in data 25.08 prima visita otorino: diagnosi: barotrauma in risalita con ipoacusia monolaterale orecchio destro con deficit 70db su 6000hz e circa 65DB su 8000hz (con lieve acufene). Cura 10 gg di cortisone.
  • in data 9 settembre nuovo controllo otorino: ipoacusia invariata. Continuare cura con cortisone + vasodilatatori
  • in data 16 settembre nuovo controllo. ipoacusia invariata. Continuare con vasodilatatori per vari mesi.

L’otorino mi ha parlato della possibilità di provare la camera iperbarica.

Mi sono un po’ documentato (googolando sull’argomento: camera iperbarica vs barotrauma/ipoacusia).
Da quello che capisco è che sicuramente la camera iperbarica mostra la sua massima efficacia contro questo tipo di infortuni entro pochi giorni/ore dall’episodio.

Mi chiedo se, a distanza di un mese circa dall’accaduto, potrebbe ancora essere utile sottoporsi al trattamento.
Esistono nella vostra esperienza casi simili? (trattamento di barotrauma e ipoacusia, in special modo su frequenze superiori a 5000hz)
Se si, che risultati hanno mostrato?

Grazie Mille

Marco

Un commento a “Ipoacusia da barotrauma e ossigenoterapia iperbarica

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno signor Marco,
    grazie per averci scritto.

    Mi dispiace per il suo barotrauma, capisco che la situazione sia fastidiosa.
    Per poter essere obiettivi in casi come il suo è necessaria una attenta visita e un accurata analisi della documentazione (consulenze, terapie, esami strumentali).

    In termini generali le dico comunque che, come le è stato proposto dallo specialista otorino, potrebbe essere presa in considerazione la possibilità di fare un ciclo di terapia iperbarica (pressione: 2.5 ATA, durata 90 minuti, frequenza quotidiana, 15 sedute iniziali e ulteriori 10 sedute dopo il controllo dell’otorino con esame audiometrico se è presente un miglioramento).

    In merito all’efficacia, come giustamente ha già dedotto leggendo altri post, è importante iniziare il terapia iperbarica il prima possibile.

    Per qualsiasi altro dubbio o richiesta di chiarimento può farlo anche via telefono contattandoci allo 0544-500152.

    In bocca al lupo e un caro saluto,

    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Rimini: 02337

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *