Perforazione accidentale del timpano: cosa fare?

Buongiorno a tutti,

circa una settimana fa ho subito la perforazione del quadrante posteriore del timpano sinistro a causa di un incidente domestico.

La perforazione sembra avere una estensione di circa 2mm e attualmente percepisco tutti i suoni ma a sinistra sento tutto molto ovattato.
Purtroppo si aggiunge che sono un grande appassionato di immersioni e soprattutto che sarebbe stata mia intenzione entrare nel squadra sommozzatori del posto in cui lavoro 

Le mie esigenze sarebbero quelle di sentire la voce dei miei figli come prima, quella di ritornare a fare immersioni per portare i miei figli sott’acqua e (so che è dura) riuscire a superare le visite mediche per l’ingresso nella squadra sommozzatori.

Se possibile vorrei dei consigli su come poter aiutare la cicatrizzazione della membrana e come poter affrontare questo grosso problema.
Sono già seguito da un Professore che reputa improbabile una cicatrizzazione spontanea e necessario un intervento di correzione al setto nasale prima di sbilanciarsi su una timpano plastica.

Grazie mille del vostro aiuto e scusate il disturbo 
Kri

Un commento a “Perforazione accidentale del timpano: cosa fare?

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno signor Kri,

    Mi dispiace molto per la situazione e posso capire bene la sua apprensione sull’argomento.

    Purtroppo la terapia iperbarica trova indicazione solo nei casi di ipoacusia neurosensoriale con diagnosi recente (entro 30 giorni).
    Solo in questo caso, a seguito di una visita medica per escludere eventuali controindicazioni assolute al trattamento con ossigenoterapia iperbarica (OTI), si procede alla prescrizione seguendo il disciplinare di cura per la sordità improvvisa (15 sedute a 2,5 ATA di pressione con frequenza quotidiana, ogni seduta dura 90 minuti).

    Purtroppo la perforazione non rientra nelle patologie che hanno indicazione assoluta a essere trattate con ossigenoterapia iperbarica.
    Le consiglio di proseguire con il percorso terapeutico prescritto dal suo specialista otorinolaringoiatra curante.

    Le faccio un grande in bocca al lupo per una pronta guarigione, se vuole maggiori informazioni o ha altri dubbi può contattarci direttamente al numero

    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Rimini: 02337

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *