Esostosi, Edmond chiede aiuto per capire cosa succede al suo ginocchio

Buonasera,
due giorni fa ho fatto una specie di ecografia (ma non so bene come si chiami), visto che nel mio ginocchio destro era evidente un rigonfiamento, duro quasi come un osso.
Dopo questo esame sono andato dal mio medico a presentare il referto ma lui ha detto di presentarmi tra un mese a fare la visita per vedere se passa o no.

Ora io ho cercato di “decifrare” il seguente referto:

“Nella metafisi prossimale tibiale in sede antero mediale è presente esostosi associata a sfumata disomogeneità di segnale della parti molli circostanti accompagnata dalla presenza di versamento con aspetto pseudocistico. Non segni di edema subcondrale della epifisi tibiale e metafisi prossimale tibiale.Sfumata disomogeneità di segnale subcondrale della rotula in corrispondenza del polo inferiore, da lieve edema(lieve contusione recente non riferita in anamnesi?).Non alterazioni di morfologia e segnale del restante osso subcondrale femoro tibiale e della rotula. Presenza di minima quantità di liquido nella borsa retrorotulea. Normali morfologia e segnale della cartilagine rotulea, della troclea femorale e in sede articolare femoro tibiale. Non segni di sofferenza del tendine femoro rotuleo, dei legamenti crociati e dei legamenti collaterali. Non alterazioni di morfologia e segnale dei entrambi menischi. si consiglia controllo ecografico. RM della alterazione di morfologia e segnale delle parti molli a ridosso della esostosi tibiale.”

Questo cosa significa, ho un tumore benigno al ginocchio?

Spiegatemi in modo normale cosa significa per favore

Un commento a “Esostosi, Edmond chiede aiuto per capire cosa succede al suo ginocchio

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno Sig. Edmond,
    grazie per averci scritto.

    Segua serenamente il percorso diagnostico che il suo medico curante ha impostato per approfondire il suo caso: purtroppo senza un accurata visita e un’analisi delle immagini è molto complesso potersi esprimere con obiettività. Concordi col suo medico anche la possibilità di una consulenza specialistica ortopedica.

    Approfitto per informarla che in campo ortopedico, l’Ossigenoterapia-iperbarica (OTI) trova indicazione nel caso in cui vi sia diagnosi di osteonecrosi asettica di basso grado.
    La prescrizione inziale prevede 30/40 sedute a 2.5/2.2 Bar di pressione, le sedute sono quotidiane e la durata di ognuna è di 90 minuti totali. A due mesi dal termine del ciclo di ossigenoterapia iperbarica prescritto, viene richiesta una nuova risonanza magnetica e una consulenza ortopedica per controllare l’evoluzione della situazione.

    Rimango a disposizione per qualsiasi necessità o chiarimento, può contattare direttamente la nostra segreteria al numero 0544-500152.

    Cordiali saluti

    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Rimini: 02337

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *