Monica, fisioterapista, cerca una cura per una sua paziente con linfedema al ginocchio

Salve,
sono Monica una collega fisioterapista.
Chiedevo se potesse essere utile la camera iperbarica per una paziente con linfedema primario non trattato da nessuno da oltre un anno e con conseguenze di dolore estremo e invalidante al ginocchio sinistro in assenza di lesioni dello stesso.
La paziente vaga da un ortopedico che le dice che non può fare niente e un chirurgo vascolare che dice che non ha niente!
Vi chiedo un consiglio al riguardo e se potete trattare queste problematiche o indicarmi un equipe che possa seguirla in alternativa.
La signora ha difficoltà persino a rimanere sdraiata a lettino per 15 minuti dal dolore alla gamba.
Vi ringrazio tantissimo di cuore per la risposta
Monica

Un commento a “Monica, fisioterapista, cerca una cura per una sua paziente con linfedema al ginocchio

  1. Paola Mengozzi on

    Ciao Monica,
    grazie di esserti rivolta a noi.

    Ho letto attentamente il tuo quesito e posso dirti che la camera iperbarica, fungendo da riattivatore di piccoli vasi linfatici, è molto utile nei casi di linfedema primario, proprio come la tua paziente.

    Al Centro Iperbarico di Ravenna procediamo nel seguente modo:
    – il paziente fauna visita da un medico del Centro Iperbarico che conferma la diagnosi di linfedema primario,
    – il nostro fisiatra, il dott.Fontana procede con un’ecografia per vedere se i linfonodi sono aperti, dopodiché
    – si procede con un ciclo di 20 sedute di camera iperbarica a 2,5bar per 90 minuti associate a 20 massaggi linfodrenanti Vodeder più pressoterapia.

    Per maggiori informazioni ed eventualmente fissare un appuntamento con il medico del Centro, puoi rivolgerti alla nostra segreteria chiamando allo 0544-500152.

    Resto a tua disposizione per ulteriori chiarimenti.

    Ciao
    Paola Mengozzi

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *