Sindrome di Meniere e avanzamento perdita d’udito: c’è possibilità di recupero?

Buongiorno
mi e’ stata diagnostica la malattia di Meniere ma a parte fasi iniziali non ho più avuto vertigini.
Saranno circa 10 anni  che mi è stata diagnosticata ma ho recentemente avuto un avanzamento della perdita dell’udito, anche senza attacchi di labirintite.
Seguo dieta iposodica.
C’è possibilità di terapia per il recupero?

Grazie.

Gabriella

Un commento a “Sindrome di Meniere e avanzamento perdita d’udito: c’è possibilità di recupero?

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno sig.ra Gabriella,
    grazie per averci scritto.

    Sono molto felice per il fatto che lei non abbia vertigini da così tanto tempo, le quali invece possono diverse volte “accompagnare” i pazienti a cui è stata diagnosticata la sindrome di Menierè.

    Passando alla seconda parte della sua richiesta la informo che l’ossigenoterapia-iperbarica trova indicazione quando dalla diagnosi di ipoacusia (valutata comunque sempre in primis dallo specialista ORL) all’inizio del ciclo con OTI (ossigenoterapia-iperbarica) passano al massimo 30 giorni.

    Per poter essere più precisi in merito al suo caso, se vuole può mandarci la sua documentazione allegando i referti, in modo da poterla consultare e avere più chiara la situazione clinica.
    L’indirizzo mail a cui inviarla è segreteria@iperbaricoravenna.it .

    Mi è comunque gradita l’occasione per spiegare in modo generale il tipo di percorso che solitamente viene proposto ai pazienti a cui è stata diagnosticata ipoacusia improvvisa.

    Dopo un’attenta prima visita che serve a valutare eventuali controindicazioni assolute o relative al trattamento in camera iperbarica, la prescrizione standard prevede 15 sedute a 2,5 Bar di pressione con durata di 90 minuti a seduta e frequenza quotidiana solitamente per 5 giorni a settimana.

    Dopo il primo ciclo si viene rimandati allo specialista ORL inviante per una valutazione: se vi è solo un lieve miglioramento allora può essere proposta una estensione del ciclo sino ad un massimo di 25 sedute totali.

    Spero di essere riuscito a fornirle alcune indicazioni utili al suo caso.
    Rimango a completa disposizione.

    Un caro saluto,

    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Bologna: 16646

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *