Acufeni e sordità da diversi anni: si può migliorare?

Buongiorno, mio padre soffre da alcuni anni di acufeni e sordità. Ne abbiamo provate tante, ma non avevo mai letto della possibilità di trattamento in camera iperbarica (che però ho capito non poter fare niente per mio padre) o della terapia FREMS. Di cosa si tratta? ma soprattutto potrebbe aiutare mio padre?

Ormai so che no può guarire, ma migliorare un po’? attutire un po’ i terribili rumori? Sarebbe già un bel traguardo.

Vi ringrazio, Paola

Un commento a “Acufeni e sordità da diversi anni: si può migliorare?

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno sig.ra Paola,
    grazie per averci contattato.

    Al Centro Iperbarico vediamo molti pazienti affetti da ipoacusia improvvisa, con e senza acufeni, per cui capisco bene quanto il problema possa essere fastidioso e debilitante per suo padre.
    Come ha già correttamente sottolineato nella sua domanda, per i pazienti che soffrono di ipoacusia da diversi anni purtroppo non vi è indicazione al trattamento con Ossigenoterapia Iperbarica (il limite per la sua appropriatezza è infatti 30 giorni dalla diagnosi).

    Ci chiede inoltre informazioni sulla terapia FREMS: questo macchinario è una sorta di elettrostimolatore che invia, grazie ad elettrodi percutanei posizionati in determinati punti, alcuni impulsi elettrici. Al Centro Iperbarico utilizziamo questo dispositivo nel tentativo di potenziare il microcircolo di alcuni distretti.

    La informo che al Centro Iperbarico è attivo un percorso multidisciplinare per pazienti con acufeni, se è interessata ad avere informazioni più dettagliate non esiti a contattare la nostra segreteria allo 0544 500152. La invito però a mandarci gli esami medici che avete già svolto all’indirizzo segreteria@iperbaricoravenna.it, questi ci permetteranno di capire meglio il problema di suo padre).

    Un caro saluto,
    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Bologna: 16646

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *