Ipoacusia improvvisa con acufeni: posso fare la FREMS da casa?

Gent.mi Dott.  Soffro da anni di un acufene all’orecchio sinistro con il quale oramai avevo imparato a convivere, purtroppo però una settimana fa ho avuto un improvviso calo dell’udito all’orecchio destro associato ad acufene .

Mi sono immediatamente recato da un otorino  che mi ha prescritto cortisone 30mg. e Trental 400mg oltre a ciò ho cominciato una terapia iperbarica presso l’ILMI di Milano.

È possibile eseguire la Vostra terapia FREMS, sotto la Vostra supervisione, anche da qui? Sono veramente disperato mi sono trovato di colpo con un deficit uditivo importante e vorrei tentare tutto il possibile .

Grazie, Vittorio

Un commento a “Ipoacusia improvvisa con acufeni: posso fare la FREMS da casa?

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno Sig. Vittorio, grazie per averci scritto.

    Il percorso terapeutico che ha intrapreso dopo la consulenza Otorinolaringoiatrica, cioè terapia farmacologica abbinata a terapia iperbarica, è molto indicato per il suo problema.

    Per quanto riguarda la terapia “FREMS”, il macchinario che utilizziamo al Centro Iperbarico non può essere trasportato ma ne esiste una versione ridotta disponibile anche a domicilio, seppure con prestazioni inferiori.

    Se è interessato a questa possibilità può contattare la società che produce la tecnologia FREMS che si chiama Lorenz Lyfetech (Tel. 051 798087) e spiegare la sua situazione. Loro sapranno valutare se la terapia a domicilio può essere utile nel suo caso specifico e se esistono le condizioni per inviare il macchinario a casa sua.

    Se invece vuole fare la terapia con il macchinario disponibile al Centro Iperbarico ed essere seguito dal nostro staff è necessario che venga a Ravenna. In questo caso, per avere maggiori informazioni o prendere un appuntamento, può chiamare la nostra Segreteria al numero 0544 500152, cercheremo di andare incontro alle sue esigenze il più possibile.

    Con la speranza che la sua situazione si risolva presto, rimango a disposizione per altri chiarimenti.

    Un saluto cordiale,
    Dott. Andrea Galvani

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *