Morbo di Kienbock: ho ancora dolore e gonfiore dopo tre mesi dall’intervento

Salve Dr Longobardi,
mi chiamo Serafino e ho fatto una Risonanza Magnetica del polso sinistro il 28/03/2014 il cui risultato è stato: “cospicuo versamento sinoviale al carpo, aree di edema intraspongioso  si evidenziano pressochè  a livello di tutte le ossa del carpo, alterato il segnale osseo del semilunare, come da necrosi avascolare. Imbibizione edemigena dei tessuti molli corrispondenti. I principali tendini appaiono nei limiti. Area di sofferenza ossea con edema intranspongioso si evidenza anche a livello dell’epifisi distale di radio e ulna”.

Invece il 20/05/2014 ho fatto una RX polso sinistro e diceva: “si documenta la comparsa di sclerosi della corticale ossea del semilunare con associata radiotrasparenza in sede centrale. Analoga areola di radiotrasparenza ossea, si apprezza a livello del carpo dello scafoide e dell’epifisi distale del radio in sede mediale. Il 03/05/2014 mi hanno diagnosticato il morbo di kienbock  e in data 21/08/2014 mi sono operato , e la descrizione dell’ intervento dice : In ischemia transitoria , incisione longitudinale dorsale al terzo distale di avambraccio. Isolare le strutture neurovascolare e divaricati i tendini estensori, si giunge sul piano scheletrico. Sotto controllo radio-scopico si esegue osteotomia in accorciamento del radio di circa 2mm in correzione della minus variante ulnare presente. Si esegue osteosintesi della stessa mediante impianto di 2 cambra a memoria di forma ottenendo ottima riduzione e stabilità della sintesi, valutata con manovre dinamiche. Ricostruzione periostale, rimozione del bracciale pneumatico, controllo dell’emostasi sutura cutanea, medicazione, valva gessata AM”.

Scusate se sono stato eccessivamente meticoloso nei dettagli ma trascorsi quasi 3 mesi dall’intervento accuso ancora dolore e gonfiore all’ulna nonostante chirurgicamente non vi sia stato fatto niente. Oltre a questo anche il semilunare è ancora indolenzito e gonfio e ho difficoltà a piegare e girare in senso orario e antiorario il polso.

La ringrazio anticipatamente, Serafino.  

Un commento a “Morbo di Kienbock: ho ancora dolore e gonfiore dopo tre mesi dall’intervento

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno sig. Maurizio,
    Grazie per averci scritto.

    Il morbo di Kienbock è una necrosi avascolare atraumatica dell’osso semilunare. Stando a quello che ci riporta, le consiglio di sottoporsi innanzitutto a una Consulenza Fisiatrica di controllo: è opportuna un’attenta valutazione specialistica per capire – sulla base del referto di questa consulenza – se vi è indicazione per un ciclo di Ossigneoterapi Iperbarica.

    Con il Centro Iperbarico collabora il collega fisiatra Dott. Fontana, se fosse interessato a prenotare una consulenza con lui presso la nostra struttura può chiamare la nostra Segreteria al numero 0544-500152.

    Approfitto anche per consigliarle la lettura di un interessante articolo riassuntivo sul Morbo di Kienbock pubblicato sul nostro Blog qualche anno fa dal Dott. Longobardi: http://www.iperbaricoravennablog.it/2010/09/25/morbo-kienboeck-necrosi-del-polso. Questo articolo fu scritto a seguito di un corso di aggiornamento dal titolo “attualità in chirurgia della mano” al quale il dott. Longobardi partecipò come relatore portando l’esperienza del Centro Iperbarico su questa patologia.

    In ogni caso ci aggiorni sulla sua situazione e su come procede il suo percorso di cura, nel frattempo le faccio un grande in bocca al lupo per una rapida guarigione.

    Cordialmente,
    Dott. Andrea Galvani

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *