La sicurezza nelle attività subacquee: le buone prassi nelle lezioni del Dott. Longobardi

L’11 e il 12 settembre il Dott. Longobardi ha partecipato al Corso di formazione per gli operatori subacquei di ISPRA e ARPA organizzato dal Centro Interagenziale Igiene e Sicurezza sul Lavoro che si è svolto a Roma.

L’obiettivo del corso era la formazione sull’applicazione delle buone prassi per lo svolgimento in sicurezza delle attività subacquee di Ispra e delle agenzie ambientali e il Dott. Longobardi ha tenuto due lezioni: una sulla programmazione ed esecuzione delle immersioni con i computer e l’altra sull’attività subacquea scientifica: idoneità medica, valutazione/riduzione del rischio.

Durante prima lezione il Dott. Longobardi ha spiegato quali sono i problemi che si possono verificare durante o in seguito alle immersioni subacquee e quali sono gli accorgimenti per evitarli. Ha poi proseguito spiegando come i computer da polso subacquei possono essere utili per compiere immersioni in maggiore sicurezza e le differenze tra i diversi modelli e tipologie oggi disponibili, come il modello compartimentale e il modello controllo bolle.

Nel suo secondo intervento invece il Dott. Longobardi si è focalizzato sugli aspetti dell’attività subacquea scientifica tra cui le responsabilità, la formazione, necessaria e fondamentale per chi pratica questa attività, e i criteri di idoneità all’immersione. Ha inoltre approfondito il tema del PFO spiegando anche il particolare percorso di valutazione dello shunt destra/sinistra adottato dal Centro Iperbarico, per poi concentrarsi sulle particolarità che caratterizzano della subacquea al femminile: maggiore velocità di raffreddamento in acqua, sensazioni e precauzioni per chi compie immersione in fase di sindrome premestruale e ciclo mestruale, effetti dei contraccettivi orali e consigli per le immersioni post gravidanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *