Azoospermia: la terapia iperbarica può essere d'aiuto?

Buonasera,

scrivo in merito ad un articolo pubblicato un paio di settimane fa in cui la Dottoressa Rastelli descrive i possibili effetti benefici dell’ossigeno terapia sulla rigenerazione di spermatozoi lenti presentandole il mio caso.

Escludo inoltre traumi pregressi.

A fine 2012 ho eseguito una biopsia testicolare (mesa tese micro tese) che ha evidenziato la presenza di spermatogoni e spermatociti e l’assenza di spermatidi e spermatozoi.

I Dottori interpellati successivamente non sono riusciti a definire una possibile causa, rifugiandosi in alcuni casi nel “problema genetico”.

I possibili benefici descritti dalla Dottoressa Rastelli nell’articolo precedentemente menzionato potrebbero esserci anche nel mio caso?

Grazie per la Vostra attenzione

2 commenti a “Azoospermia: la terapia iperbarica può essere d'aiuto?

  1. Claudia Rastelli on

    Buongiorno Signor Michele, sono molto dispiaciuta per la sua situazione e immagino il suo disagio.

    Le evidenze scientifiche riportate nell’articolo precedente sono riferiti a studi eseguiti dal Dott. Mitrovic dell’Università di Belgrado su pazienti con Oligospermia (formazione di pochi spermatozoi). Nel suo caso, mi pare di capire, che ci sia uno stop nel processo di maturazione degli spermatozoi che si fermano a fasi precedenti alla completa evoluzione.

    L’ossigeno iperbarico incrementa l’ossigenazione periferica e la microcircolazione testicolare andando a migliorare le caratteristiche morfologiche e funzionali degli spermatozoi e favorendo anche la spermatogenesi (creazione di nuovi spermatozoi).
    Nel caso il suo problema fosse effettivamente di origine genetica, la terapia iperbarica non potrebbe esserle di aiuto, ma se così non fosse potremmo fare un tentativo in camera iperbarica per non lasciare nulla di intentato e studiare come l’ossigenoterapia possa influire sulla sua spermatogenesi.

    Per qualsiasi ulteriore chiarimento la invito a contattare la nostra segreteria al 0544/500152 o scrivendoci a info@iperbaricoravenna.it

    Cordiali saluti,
    Dott.ssa Claudia Rastelli

    Rispondi
  2. Marco Brauzzi on

    Gentile Collega,
    credo che la prudenza sia una virtù da esercitare sempre quando si fanno ipotesi scientifiche sulla efficacia di un farmaco. Il mondo della medicina iperbarica ha un passato costellato da indicazioni rivelatesi poi assolutamente prive di razionale scientifico che hanno creato aspettative e , ahimè, illusioni nei pazienti che si sono rivolti ai centri iperbarici andate poi, drammaticamente deluse.
    Con i più cordiali saluti
    Dott. Marco BRAUZZI
    Direttore Centro Medicina Iperbarica
    Ospedale Niguarda Cà Granda

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *