Osteonecrosi su entrambe le teste del femore dopo chemioterapia

Buongiorno,
nei primi mesi del 2010, a seguito di un tumore ad un testicolo, mio figlio è stato sottoposto a 4 cicli di chemioterapia che allo stato attuale è in follow negativo per ripresa malattia.

A seguito di frequenti dolori alla coscia e al gluteo destri, nel mese di maggio di quest’anno ha fatto RX e Scintigrafia ossea in cui è stato diagnosticato: oteonecrosi bilaterale delle teste femorali, con alterazioni flogistico-degenerative prevalentemente a destra.

Al momento ha dovuto sospendere l’attività lavorativa e l’ortopedico, dopo avergli prescritto un ciclo di due mesi con “Clody 200mg”, gli sta facendo fare un secondo ciclo di onde d’urto ognuno di 3 dx 3 sx.

Vorrei chiedere a voi un consiglio sull’efficacia dell’ossigenoterapia per questa patologia. Grazie della vostra disponibilità.                  

Un commento a “Osteonecrosi su entrambe le teste del femore dopo chemioterapia

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile Sig. Alvaro,
    grazie per averci scritto e per la fiducia che ci dimostra. Mi dispiace molto per le problematiche che suo Figlio sta vivendo.

    La Terapia Iperbarica è un ottimo mezzo per la GUARIGIONE della Necrosi Asettica della testa del Femore ( o di altre aree in cui si manifesta) e lo dimostrano le numerose testimonianze presenti sul nostro blog e i casi clinici che quotidianamente osserviamo al Centro Iperbarico. Inoltre è una terapia riconosciuta dal Sistema Sanitario Nazionale.

    L’Osteonecrosi è un infarto dell’osso, dovuto alla riduzione della perfusione dell’osso ( arriva meno sangue a tale tessuto) che quindi va incontro a morte. Ciò determina una fragilità ossea che nel tempo può portare a deformazione dello stesso per collasso delle trabecole che lo compongono, con conseguente limitazione funzionale e dolore all’articolazione colpita.

    La Camera Iperbarica aumenta la quantità di ossigeno disciolto nel sangue facendo in modo che questo arrivi ai tessuti periferici, come l’osso, in grandi quantità e più velocemente, ciò porta ad una maggior ossigenazione del tessuto sofferente grazie anche alla formazione di nuovi vasi sanguigni.

    Grazie al protocollo da noi effettuato, che prevede un cambio delle pressioni a cui il paziente è sottoposto, la Terapia Iperbarica ha inoltre la capacità di ripulire l’osso dal tessuto morto e favorire l’apposizione di nuova matrice ossea.
    Presso il Nostro Centro, in associazione all’Ossigenoterapia, verrà prescritta anche una specifica terapia farmacologica, la magnetoterapia e una terapia riabilitativa impostata dal Dott Fontana ( Medico Fisiatra).

    La terapia Iperbarica è molto utile e spesso risolutiva, in particolare quando ancora non è avvenuta la deformazione ossea. Con una visita presso il nostro centro e la presa visione degli esami effettuati possiamo valutare se suo figlio possa essere un buon candidato a fare camera Iperbarica.

    La invito a contattare la nostra segreteria per qualsiasi informazione ed eventualmente prenotare una visita al numero 0544 500152 oppure via mail all’indirizzo segreteria@iperbaricoravenna.it.

    Spero di esserle stata di aiuto.
    Cordiali Saluti,
    Dott.ssa Claudia Rastelli

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *