“Piattaforma Luna”, film ambientato in una camera iperbarica, sbarca a Ravenna Festival il 29 giugno 2012

Yuri Ancarani, video maker di 40 anni premiato un po’ in tutto il mondo, torna alla Rocca Brancaleone (Ravenna) con la sua nuova opera prodotta da Maurizio Cattelan e presentata al Festival del Cinema di Venezia, al Guggenheim Museum di New York e al nuovo Maxxi di Roma. Arte con la A maiuscola, evidentemente. La quintessenza del cinema, tanto che la bella locandina è un tuffo nel Kubrick di “2001”.

Il film in questione si chiama Piattaforma Luna che è la piattaforma per l’estrazione del gas dove lavorano i sei operatori tecnici subacquei che ne sono protagonisti, costretti a vivere per settimane tra il fondo del mare e la camera iperbarica.

L’opera di Ancarani sarà proiettata alla Rocca Brancaleone stasera (venerdì 29 giugno) nell’ambito della terza edizione di Weird Tales, la rassegna dedicata alla musica contemporanea (e in particolare al suo rapporto con l’immagine) organizzata dalla Bronson Produzioni nell’ambito Ravenna Festival. Ancarani sarà affiancato dall’australiano Ben Frost, personaggio chiave della scena musicale elettronica e sperimentale mondiale. Frost è stato scelto dal ravennate Ancarani, per la colonna sonora di Piattaforma Luna, perché si ispira a scenari molto vicini ai suoi. Ancarani procede nella costruzione del film togliendo, cioè racconta utilizzando meno inquadrature possibili. Ben Frost con pochi suoni riesce a essere potente. Ad Ancarani serviva qualcosa di potente, forte come è estremo quello che fanno i subacquei di Piattaforma Luna.

 A pagina 38 del Ravenna Festival Magazine 2012 trovate l’articolo su Piattaforma Luna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *