intossicazione da monossido di carbonio: una famiglia di Conselice al Centro Ipebarico di Ravenna

Un’altra famiglia intossicata dal monossido di carbonio sprigionato con molta probabilità da una caldaia difettosa, questa volta è successo a Conselice.

Padre, madre, figlia e fidanzato nella notte tra venerdì e sabato hanno iniziato ad accusare un forte mal di testa, difficoltà respiratorie, nausea, parziale perdita di equilibrio fino allo svenimento della  ragazza che ha fatto prendere la decisione di allertare i soccorsi.

La famiglia (ad esclusione del padre che aveva subito minori effetti dall’esalazione) è stata subito trasferita al Centro Iperbarico di Ravenna dove il dott. Longobardi e l’equipe medica del Centro hanno constatato esalazioni di monossido in quantità consistenti. I pazienti sono dunque stati trattati con terapia in Camera Iperbarica come previsto in questi casi.

L’abitazione in cui è avvenuto l’incidente era riscaldata da due caldaie, una a metano e una a legno, e ora i vigili del fuoco indagano per accertare le cause della fuoriuscita.

Per fortuna l’episodio non si è risolto nel peggiore del modi e nessuno della famiglia è in pericolo di vita. Raccomandiamo comunque ancora una volta di fare molta attenzione alla manutenzione delle caldaie per evitare spiacevoli inconvenienti o seri danni alla salute.

 

La notizia è stata ripresa anche da Settesere, il Corriere di Romagna, Romagna noi, Lugonotizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *