pdt/Distacco retina: posso immergermi?

Salve Dottore, sono stato operato due volte per distacco di retina e recidiva all’occhio sinistro – retinotomia inferiore + scambio fluido\aria e aria\PDMS (polidimetilsilossano) + endofotocoagulazione + exocrio. Ora a distanza di 3 mesi le condizioni dell’occhio e visive sono discrete tanto che posso guidare (permane una sfuocatura) e fare all’80% le cose che facevo prima.

Sono anche un subacqueo appassionato (advanced, con qualche centinaio di immersioni per diletto, senza immersioni profonde o tecnicamente impegnative). Vorrei riprendere l’attività fra 4-5 mesi, prima però vorrei essere certo che tale attività non danneggi ulteriormente occhi e vista.

Mi saprebbe dare qualche info in merito? La ringrazio anticipatamente e cordialmente la saluto, Mauro Giostra

 

0 commenti a “pdt/Distacco retina: posso immergermi?

  1. Pasquale Longobardi on

    distacco retina

    caro Mauro, ti ringrazio per l’attenzione.
    Se fosse solo per la retinopatia, l’occhio – essendo pieno di liquido – non è “comprimibile” durante l’immersione: i problemi che hai in superficie rimarrebbero invariati nell’immersione.
    Su questa base, il comitato medico dell’European Diving Technology Committee, con il quale collaboro, ritiene che il distacco della retina di per sé consenta l’idoneità medica all’immersione ricreativa e turistica. Sulla base dell’esperienza acquisita presso il Centro iperbarico Ravennati consiglio, comunque, una preventiva verifica della corretta compensazione dell’orecchio medio (consulenza ORL con prove di funzionalità tubarica) perché se la compensazione fosse difficoltosa si innescherebbe, durante la manovra di Valsalva forzata, un contraccolpo di pressione sulla retina potenzialmente dannoso.
    Purtroppo il tuo occhio è stato martoriato da diversi interventi chirurgici e quindi è necessario capire bene quale sia la situazione attuale prima di decidere se tu possa immergerti in sicurezza.
    Se lo desideri, contatta il Centro iperbarico Ravenna (tel. 0544-500152) e chiedi il contatto del dr. Ugo Cimberle, nosto oculista di riferimento per le problematiche visive correlate all’immersione. Nello stesso giorno della sua visita potrai richiedere la successiva valutazione di un nostro medico subacqueo o mia. Se utile, chiedi anche il riferimento del dr. Guglielmo Arrabito (Riolo Terme – RA), nostro otorino di fiducia, per la valutazione delle prove di funzionalità tubarica che saranno eseguite mentre provi diverse tecniche di compensazione (deglutizione, Valsalva, ecc.), successivamente al Centro iperbarico Ravenna sarai valutato anche dallo specialista ORL interno al Centro, dr. Antonino Di Liberto.
    Un caro saluto, Pasquale

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *