mamma (70 anni) ha una ulcera alla gamba infetta da Pseudomonas

Buona sera Dott.Longobardi, le scrivo in merito a mia madre per cui ho molta preoccupazione. Ha 70 anni, é diabetica e da qualche tempo si è asperta una piaga sulla gamba che è risultata eseere infetta da Pseudomonas. Ha avuto 2 ricoveri per la somministrazione di 2 tipi di antibioticici che non hanno risolto. Tra qualche giorno verrà di nuovo ricoverata per altra terapia con antibiotico. Inoltre ha un dolore lancinante: gli antidolorifici sembrano essere acqua. Le hanno fatto un ecodoppler che ha evidenziato una stenosi e, adesso, dovrebbe sottoporsi ad angiografia.

Le sarei grata se potesse darmi un consiglio. Non so più cosa fare per non vederla a soffrire cosi tanto. Se avesse bisogno di più informazioni cliniche mi faccia sapere. La ringrazio per la sua cortese attenzione. Alessandra Ghiraldi

0 commenti a “mamma (70 anni) ha una ulcera alla gamba infetta da Pseudomonas

  1. Pasquale Longobardi on

    cara Alessandra, ti ringrazio per l’attenzione e mi dispiace per il dolore che attanaglia la mamma.
    Credo si tratti di un’ulcera arteriosa o vasculitica in paziente anziana e diabetica. E’ necessario il controllo del diabete (la glicemia deve essere costante e l’emoglobina glicata inferiore al 6,3%). Deve essere accelerata l’esecuzione della angiografia con eventuale angioplastica o bypass per ripristinare il flusso del sangue alla gamba e al piede. Utile escludere un quadro infiammatorio (vasculite) sulla base della raccolta della storia clinica della mamma, eventuale biopsia ed esami del sangue specifici.
    Presso il Centro iperbarico Ravenna, per la mamma, il primo passo sarebbe controllare quanto sangue arriva al piede tramite:
    – ossimetria transcutanea. Devono esserci almeno 40 millimetri di mercurio di ossigeno durante respirazione in aria ambiente;
    – doppler velocimetria. La pressione arteriosa alla caviglia deve essere almeno il 45% di quella misurata al braccio (Ankle Brachial Index superiore a 0,45). Questo parametro è però poco affidabile nel paziente diabetico, pertanto preferiamo il seguente:
    – laser doppler flussimetria. Permette di comprendere se ci sia un deficit vascolare attraverso la misurazione della pressione al primo dito del piede (la pressione nel dito del piede deve essere almeno il 20% di quella rilevata al braccio – in “medichese” si dice: Toe Brachial Index superiore a 0,2). Inoltre la risposta a vari test (riscaldamento, variazione della posizione del piede, rilascio della pressione) permettono di comprendere se ci sia una neuropatia e/o una risposta dei vasi sanguigni attraverso la sintesi del monossido di azoto (NO).

    In caso di cattiva circolazione (ischemia), la mamma sarebbe visitata dal chirurgo vascolare per valutare l’opportunità di ripristinare la circolazione (angioplastica, bypass, farmaci).

    Qualora vi sia, invece, una vasculite si procederà con la rimozione – dove possibile – dei fattori che scatenano l’infiammazione e a una terapia farmacologica specifica.

    Se ritenuta utile, applichiamo anche la ossigenoterapia iperbarica. Si tratta di una terapia che, attraverso l’aumento della produzione di monossido di azoto (NO), è importante per ridurre l’infiammazione; favorire la formazione di nuovi vasi sanguigni (vasi collaterali) a partire sia dai bordi della ferita che a opera di cellule “operaie” che sono normalmente dormienti nel midollo (cellule staminali), reclutate dall’ossigeno iperbarico.

    Per eventuale visita contatta la segreteria del Centro iperbarico Ravenna (0544-500152). Per informazioni su altri Centri iperbarici consulta il sito della Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica (SIMSI) http://www.simsi.org (sulla destra troverai il link “centri iperbarici”).

    E’ giusto che tu faccia quanto possibile per capire, almeno, la causa del dolore che affligge la mamma. E’ importante che lei possa, quanto prima possibile, camminare bene per facilitare il controllo del diabete.

    Un caro saluto, Pasquale

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *