Malattia di Crohn: sì all'immersione?

Buongiorno dott. Longobardi, mi chiamo Marco e l’ho seguita al seminario sui rebreather a Reggio.
Quest’anno ho scoperto di avere il morbo di Crohn e sono stato sottoposto alla resezione del colon traverso, poi ho tenuto una ileostomia per quattro mesi ed infine ricanalizzato il 18 di Novembre. quello che le chiedo cortesemente è se posso tornare ad immergermi quando e se devo prestare particolari attenzioni.
Ringraziandola le auguro un sereno e fantastico 2011 pieno di bolle!!!

0 commenti a “Malattia di Crohn: sì all'immersione?

  1. Pasquale Longobardi on

    caro Marco, grazie per la stima. Potrai immergerti in sicurezza quando sarai “portatore sano di Chron”, cioè in assenza di farmaci o effetti collaterali da farmaci. Non ci deve essere diarrea, crampi, dolori, ecc.
    Il rischio sono i fattori che facilitano l’incidente da decompressione: la disidratazione (è da controllare periodicamente l’ematocrito) e lo stress (freddo, fatica, ecc. – saranno da controllare periodicamente gli indici di flogosi: VES, PCR, fibrinogendo, emocromo con formula piastrinica).
    I compagni di immersione dovranno essere consapevoli che potrai rinunciare all’immersione anche all’ultimo momento. La barca (specialmente in crociera) deve avere un bagno.
    Un interessante articolo sull’argomento (in inglese) è http://tinyurl.com/3y9yj3b.
    Per l’idoneità all’immersione è necessaria una visita medica da parte di uno specialista in medicina subacquea (segretria Centro iperbarico Ravenna 0544-500152, mia assistente Claudia Assirelli).
    Auguri per un sereno 2011 “povero” di bolle, Pasquale

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *