Parkinson: utile l'ossigeno iperbarico?

buonasera dottore, sono una giovane parkinsoniana ….

…effetti collaterali pesantissimi da farmaci…..nn respiro nemmeno piu’…

rigidita’ a mille..ecc..(altro che scompensata!!!!!)

cosa posso aspettarmi da ciclo sedute con iperbarica? Delia

0 commenti a “Parkinson: utile l'ossigeno iperbarico?

  1. Pasquale Longobardi on

    cara Delia, la tua giovane età amplifica il mio dispiacere per la invalidante malattia che ti affligge.
    Le linee guida sulla ossigenoterapia iperbarica della Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica (SIMSI) non includono la malattia di Parkinson come indicazione alla ossigenoterapia iperbarica. Ciò perchè non vi sono evidenze scientifiche forti che vi siano sicuri vantaggi.

    Presso il Centro iperbarico Ravenna
    abbiamo effettuato – in collaborazione con la Clinica Neurologica dell’Università di Bologna – delle ricerche sull’utilizzo della malattia di Parkinson scompensato, complicato. Vi sono stati alcuni significativi miglioramenti (maggiore attenzione e riduzione dei periodi “off”; riduzione del fabbisogno di farmaci; miglioramento delle discinesie; maggiore autonomia).
    I miglioramenti erano prevalenti nei pazienti dove vi era una arteriopatia ostruttiva dei vasi arteriosi del collo o cerebrali (forme vascolari). E’ importante segnalare che lo studio è stato eseguito su circa venti pazienti (seguiti per un anno), era uno studio senza gruppo di controllo (cioè non prevedeva il confronto con pazienti con la stessa gravità della malattia trattati con gli stessi farmaci ma senza ossigenoterapia iperbarica), la valutazione era eseguita dallo stesso neurologo (non era uno studio in “cieco”, dove il ricercatore non sia consapevole del trattamento effettuato dal paziente).

    Risultati simili sono stati ottenuti da ricercatori russi del Viadimirsky Regional Research Institute of Clinical Medicine di Mosca che hanno valutato 64 pazienti (guarda la ricerca).

    Negli USA la Undersea and Hyperbaric Medical Society (UHMS) non ha inserito il Parkinson nelle indicazioni appropriate per la terapia iperbarica. Anche lì esiste qualche segnalazione (debole) favorevole all’utilizzo della ossigenoterapia iperbarica nella malattia di Parkinson (leggi l’articolo).

    Qualche segnalazione favorevole anche in Canada (Canadina Hyperbaric Institute)
    Ti segnalo anche questo interessante video.
    L’ossigenoterapia iperbarica migliorebbe il metabolismo energetico delle cellule cerebrali (nucleo striato) e ridurebbe il suicidio programmato (apoptosi) delle cellule sofferenti (ma il meccanismo di azione è da chiarire).

    Se tu desiderassi ulteriori informazioni contattami presso il Centro iperbarico Ravenna (tel. 0544-500152). Parlane con il neurologo che ti segue, sarebbe ideale un contatto con lui per conoscere meglio la tua situazione clinica ed elaborare un percorso clinico integrato.
    Cordiali saluti e felici auguri di serene festività. Pasquale

    Rispondi
  2. GUERRA PAOLO on

    Se la fusoliera di un aereo passeggeri è paragonabile ad una camera iperbarica, posso portare alla Vostra attenzione cosa provo dopo un volo aereo. Sono affetto da Parkinson dal 2004, faccio uso di stalevo, pramipexolo e amantadina con relativi momenti on ed off.
    Il mio P. è prettamente ipocinetico, nessun tremore se non sotto sforzo, ma quando esco da un aereo dopo almeno 2-3 ore di volo, mi sento più sciolto, meno stanco per almeno un giorno.
    Quello che dicono i “soloni” americani (onniscenti) ci possono pulire…….
    La sensazione che io provo di benessere è reale altro che. Scusate lo sfogo, ma bisogna soffrire per capire la malattia….non osservarla dall’esterno.
    Ho quasi 59 anni, abito a Perugia. Sono in pensione dopo 33 anni di informatore medico scientifico.
    Per qualsiasi chiarmento il mio n. è 3462103476, contatterò il centro di Ravenna al più presto.
    Cordiali saluti

    Dott. GUERRA Paolo

    Rispondi
  3. ITALO on

    72 ANNI DAL 2008 SI E’ EVIDENZIATO UN TREMORE MANO SINISTRA.ESAME DATA SCAN DATO MINOR PASSAGGIO DOPAMINA CORPI STRIATI. P.D FAMILIARE-PADRE P.D DAL 1960 AL 1984. USO YUMEX 0.5 – ALTERNO MUCUNA PRURENS CON LDN FATTO CICLI DI GRANDE AUTO EMO CON OSSIGENO OZONO.NON HO MOMENTI ON OFF- NOTO SOLO UN CERTO RALLENTAMENTO CHE NON CAPISCO SE LEGATO ALL’ETA’ E/O P.D. SONO ISTRUTTORE IN PALESTRA E A PARTE IL TREMORE CHE SI EVIDENZIA MAGGIORMENTE SE STANCO O IN TENSIONE. SPEREREI DI CONTINUARE AD ESSERE EFFICIENTE IN TUTTO COME ADESSO( DICONO CHE IL P.D IN ETA’ AVANZATA E DI ORIGINE FAMILIARE SIA PIU’ LENTO- IN USA LO CHIAMANO SPORADIC P.D.) SPEREM..MI INTERESSEREBBE LA TERAPIA IPERBARICA COME COADIUVANTE X IL MIO PROBLEMA. GRAZIE

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *